My Take, la nuova piattaforma per prenotazioni turistiche

Volkswagen
Volskwagen richiama quasi 5 milioni di veicoli in Cina
26 settembre 2017
capsule caffè
Capsule compatibili Fior Fiore Coop
11 ottobre 2017
My Take

E chi l‘ha detto che in italia non si innova!?

Questa volta vi parliamo di un app che sta facendo parlare di se o meglio di una piattaforma che andrà online agli inizi del nuovo anno.

Trattasi di una start-up pensata e nata a Roma da un ragazzo, (Tiziano Schiappa, professionista del settore turistico) ed il suo team di giovani laureati, che insieme a lui lavorano incessantemente da più di un anno affinché tutto possa partire per Gennaio 2018.

My Take It è il nome della piattaforma di prenotazioni turistiche che permette ai viaggiatori di proporre un prezzo per la camera che desiderano.

L’obiettivo è quello di rendere il turismo ancora più low cost e ancora più accessibile.

Infatti, trattasi del primo sito in circolazione che permette al viaggiatore di proporre il prezzo idoneo per la sua vacanza rispettando completamente il budget che l’utente si prefissa. Nel prezzo che propone il cliente, difatti, sono già inclusi i costi di servizio e Iva – senza incorrere in spese extra o fee nascoste.

Questa startup, da, quindi, notevoli vantaggi all’utente utilizzatore, che finalmente potrà decidere in piena autonomia quanto spendere per una vacanza o semplicemente per un semplice spostamento.

La stessa piattaforma non ha notevoli vantaggi solo per gli utilizzatori, ma anche lato strutture, (host) promettendo, agli stessi, commissioni competitive e storni immediati sulle stesse prenotazioni che arrivano ai partner.

My Take It, promette, o almeno prova concretamene a risolvere, il problema dell’invenduto, una delle grandi criticità del settore alberghiero legata al mercato delle Ota (Online Travel Agency: Booking, Expedia, Trivago, Amoma e partner).

Diciamo che si tratta di un vero e proprio progetto ambizioso che questo team di ragazzi ha scelto di affrontare e portare avanti con determinazione.

Per non bastare, tale start-up, ha un ulteriore grande obiettivo, contribuire attivamente a valorizzare il patrimonio artistico e culturale del territorio, grazie alle stesse prenotazioni che provengono dalla piattaforma.

Difatti, da ogni transato che si genera dalla piattaforma, si va a mettere da parte una piccola percentuale che finisce in un fondo dedicato, che sarà poi in seguito utilizzato dalla stessa piattaforma, per andare a restaurare una risorsa, un evento culturale della città di riferimento del viaggiatore.

Saranno gli stessi utenti, ovviamente, (tramite un form post prenotazione) a decidere cosa restaurare in quella località. In questo modo, il viaggiatore, si sente anche parte attiva e utile per la crescita e la valorizzazione di quel territorio.

Il concetto finale è, che dal turismo si può generare valore, e questo il MIBACT, (Ministero dei Beni Culturali) lo ha capito bene, fornendo a My Take It, consulenze, consigli ed assistenza riguardo alcune criticità che si erano presentate nella fase iniziale del progetto, prenotazione = valorizzazione.

Un gran bel progetto che avremo il piacere di seguire e per il quale vi terremo aggiornati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook