Arriva a Londra la strada che produce energia

diamanti
Quotazione Diamanti: come valutare il prezzo di un diamante
25 luglio 2017
asteroide
Scoperto il cratere del più grande asteroide caduto sulla Terra
1 agosto 2017
bird street Londra

I modelli di energia sostenibile sono una delle necessità del mondo di oggi; da anni è iniziato lo sfruttamento delle energie rinnovabili per la creazione di elettricità per alimentare le città di tutto il mondo.

Ma cosa succederebbe se potessimo sfruttare tutta quell’energia che quotidianamente creiamo e che inconsapevolmente disperdiamo? La risposta è semplice: ci si può alimentare qualsiasi cosa!

Il progetto nasce a Londra, in una traversa delle famosissima Oxford Street, una tra le strade più inquinate di tutta Europa, percorsa ogni giorno da migliaia e migliaia di pedoni che, inconsapevolmente, producono energia sostenibile.

La piccola traversa in questione è Bird Street, dove sono stati posizionati dieci metri quadri di pannelli che riescono a trasformare l’energia che i pedoni producono con i propri passi, dando vita ad un progetto di shopping responsabile e sostenibile, che resterà aperto al pubblico per 2 anni e che è volto a coinvolgere attivamente tutte le persone che ogni giorno passano di lì, che sia per lavoro o per piacere.

I pannelli Pavegen posizionati su Bird Street sono in grado di generare energia dalla pressione corporea effettuata verso il basso dai passanti, che dovrebbero riuscire a produrre circa 5 watt per ogni passo; questa energia verrà successivamente immagazzinata in una batteria, che potrà a sua volta essere utilizzata per l’illuminazione dei negozi o della via stessa.

Inoltra, scaricando la App sul proprio smartphone, sarà possibile per i passanti controllare i watt prodotti in base a numero dei propri passi.

L’obiettivo di questo progetto della startup Pavegen è sia quello di denunciare e conseguentemente di trovare una soluzione valida per l’inquinamento di Londra, per il quale è già stato dato da tempo un allarme a causa della seria situazione in cui si trova la città, e sia quello di abbattere i costi dei pannelli, così che quello che ad oggi può essere solo un progetto temporaneo, possa un giorno diventare una realtà permanente.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *