Ordos, la città fantasma cinese

asteroide
Scoperto il cratere del più grande asteroide caduto sulla Terra
1 agosto 2017
minerv biorecovery
Minerv Biorecovery, la bioplastica che assorbe il petrolio
7 agosto 2017
Ordos città fantasma

La Cina è probabilmente la nazione che guarda più a lungo verso il futuro della propria crescita nazionale. Qualche tempo fa vi avevamo parlato del loro ambizioso progetto di costruire la prima Città Foresta ; si tratta di una città che dovrebbe ospitare circa 100 mila persone in un perfetto equilibrio tra l’urbanizzazione e la natura circostante.

Oggi, invece, vi raccontiamo di un altro progetto, realizzato sempre guardando al futuro, che è partito con il nuovo millennio; si tratta di Ordos, la metropoli fantasma più grande di tutto il pianeta.

La storia della città fantasma di Ordos

Ordos, situata nella provincia della Mongolia Interna, è stata costruita con l’ambizioso progetto di farla diventare uno dei punti cardine della politica, dell’economia e della cultura cinese.

Tutto ebbe inizio nei primi anni 2000 quando la Cina concesse ad aziende private le concessioni per l’estrazione del carbone nella Mongolia Interna, che si stimava possedere 1/6 dell’intera disponibilità del Paese. Notando un’importante crescita degli introiti provenienti a quelle attività di estrazione, il Governo cinese decise di investire immediatamente tali capitali nella costruzione della metropoli di Ordos in modo tale da farla diventare il punto di riferimento per l’intera provincia. Fu costruito tutto quello di cui una metropoli ha bisogno: stadi, musei, enormi centri congressi, monumenti e via dicendo.

La struttura urbana ricorda nettamente quelle di origine sovietica, costruite appositamente con edifici di enormi dimensioni per far sentire all’abitante un senso di inferiorità rispetto all’ambiente che lo circonda, e quindi indirettamente verso il proprio governo.

Al momento della costruzione fu stimato che oltre 1 milione di persone avrebbe dovuto dar vita a questa enorme metropoli della Cina centrale.. ma le cose andarono diversamente.

Dopo pochi mesi dall’inizio dei lavori il progetto venne ridimensionato per accogliere 300 mila persone ma ormai gran parte delle strutture era già stata costruita. Attualmente solo circa 100 mila persone popolano l’enorme Ordos, talmente poche rispetto alla sua grandezza da apparire completamente deserta.

Secondo studiosi di sociologia, specializzati nei flussi demografici, il fatto che la città di Ordos sia ancora deserta, o quasi, sarebbe una cosa abbastanza normale; sostengono, infatti, che i flussi migratori in Cina avvengono molto lentamente, in netta contrapposizione con la velocità con cui riescono a costruire enormi città.

Al momento la popolazione di Ordos sembra aumentare piano piano e si presume che nel giro di 10 o 20 anni possa popolarsi interamente e, forse, diventare quel centro strategico che il Governo cinese aveva pensato al momento della sua costruzione. Ma per il momento vi proponiamo alcune incredibili immagini di Ordos, la metropoli fantasma:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *